IL GIARDINO delle LUPPOLE

IL PRIMO FORMAT DI ITINERARIO TURISTICO OLFATTIVO ONLIFE

SULLA VIA DEGLI ODORI E SAPORI DELLA ROMAGNA

Viaggiare a piedi, con una rural-bike o con un redbus lungo la via degli odori e dei sapori che abbiamo nominato ROMAGNA VIRTUAL ESSENCE significa far scoprire ai visitatori l’essenza del luppolo italiano del “Giardino delle Luppole” di Grattacoppa [RA] con i sapori e gusti tipici della tradizione culinaria e del modo di fare festa tipico della Romagna [trebbo] Un viaggio tra le essenze di Romagna per far vivere una esperienza di itinerario olfattivo che nasce nell’anno dantesco per tornare a vivere esperienze totali dopo il periodo di distanziamento sociale forzato dall’infodemia dovuta alla diffusione della sindrome respiratoria acuta grave, la SARS-CoV-2. 

Unire ingredienti tipici della nostra Terra di Romagna tradizione, turismo sostenibile e innovazione e mescolarli alla passione delle salvatrici e dei salvatori della Terra, imprenditrici agricole e agricoltori 5.0, quello che scaturisce è una ricetta originale del nostro naturale “way of life” emiliano-romagnolo: un modello strategico di marketing territoriale e un nuovo movimento e la gioia di stare insieme facendo “trebbo”. Camminare, assaporare, scoprire, ascoltare, ammirare, interagire e farsi coinvolgere dai sapori e odori diffuse dai nostri “paesi rurali” che devono tornare a popolarsi di ricercatrici e viaggiatori alla ricerca di esperienze totali rivolti a turisti attenti ed aperti ad un turismo più programmato ed ecosostenibile in linea con gli obiettivi dell’Agenda 2030. 

ROMAGNA VIRTUAL ESSENCE rappresenta l’itinerario turistico olfattivo di marketing territoriale crossmediale che punta sulla nuova coltivazione romagnola:: il luppolo di Romagna presso IL GIARDINO DELLE LUPPOLE – LUPPOLETO DI ROMAGNA DELLE SORELLE NATI 

ROMAGNA VIRTUAL ESSENCE  Rappresenta un modello innovativo per far vivere l’esperienza olfattiva agli amanti della natura e del turismo slow per condividere il valore della produzione del luppolo italiano che avviene tra imprenditrici agricole che hanno deciso di diversificare le coltivazioni per un’economia agricola più rispettosa della biodiversità per un progresso sostenibile. È l’evoluzione del concetto di lusso non più basato su beni esclusivi e materiali ma sul benessere relazionale.

Il viaggio è un’esperienza fatta di incontri e conoscenze, di condivisione di passioni. Il valore aggiunto di questo innovativo modello di turismo slow è il forte elemento emozionale che ha un impatto sul ricordo di una esperienza di vita vissuta attraverso tutti i 7 sensi: un percorso extra-sensoriale dinamico e formativo per una ri-educazione al gusto reale dei prodotti della nostra terra di Romagna.

Michela Nati della Cooperativa Luppoli Italiani e il Data Scientist Fantini Fabrizio dell’impresa innovativa INNOVABILITA in collaborazione con Antonio Rotundo della società di trasporti City Red Bus S.r.l. in occasione dell’anno dantesco hanno co-creato il primo format di turismo esperienziale olfattivo 4.0 della Romagna e sono orgogliosi di poterlo proporre ad un mercato del turismo 4.0 trasformato, molto più attento alla sostenibilità ambientale e che vuole vivere esperienze uniche, totali. 

Quella del GIARDINO DELLE LUPPOLE è una esperienza extrasensoriale che abbiamo deciso di far vivere non solo ai romagnoli, ma a tutte e tutti gli amanti del buon cibo e del quieto vivere, per sorseggiare birra di qualità, apprezzare le proprietà taumaturgiche dell’olio essenziale ECHOPOIL, il trebbiano o il sangiovese e respirare l’arte, la storia e la cultura, la creatività, l’innovazione, ma soprattutto i profumi, la vera ESSENZA della ROMAGNA.

IL GIARDINO DELLE LUPPOLE

AssoBirra riportano che il 70% delle donne italiane consuma birra e il 30% di loro lo fa almeno due volte a settimana , la birra è sinonimo di convivialità, di compagnia, ma anche di ricerca del gusto. Tanto da mettersi in viaggio, lungo gli itinerari del luppolo, quello che parte dal “Giardino delle Luppole di Grattacoppa” come prima tappa dell’HOPTOUR. 

Un recente sondaggio della World Food Travel Association rivela che il 24% degli intervistati è stato un turista della birra, il 16% è disposto a partecipare a un festival della birra e il 14% ha visitato un birrificio o percorso che include tappe della filiera della birra. La birra e i suoi ingredienti come spunto per le vacanze, una vera tendenza per i turisti alla ricerca di esperienze alternative di qualità.

Il Luppolo italiano sarà presto una commodity agroindustriale ad altissimo valore aggiunto. La filiera produttiva emiliano-romagnola è una delle più attive a livello italiano ed già in grado di competere in un mercato globale in costante espansione che vede emergere nuovi Paesi produttori e una innovazione dei processi di lavorazione e di produzione del prodotto: connessione con il territorio e produzioni a chilometro zero garantiscono l’alta qualità del luppolo emiliano-romagnolo. Innovazione aperta di processo e di prodotto per la migliore resa delle colture, la remuneratività delle produzione e la piena sostenibilità e circolarità del ciclo produttivo: questo è il contesto nel quale nasce “Il Giardino delle Luppole” la terra del luppolo della Romagna dove le sorelle Nati, le azdore digitali, hanno dedicato la propria vita a questa pianta tutta da scoprire innovativa per la nostra tradizione agricole, ma molto promettente per il futuro del Made in Italy 4.0.

In Romagna la produzione, la commercializzazione e la ricerca sviluppo di altri usi artigianali del luppolo è in mano alle 3 sorelle Nati e agli altri soci della Cooperativa Luppoli Italiani. Assieme alle cugine e figlie e in compagnia di un unico uomo [Billy il marito di Elisa] che cura i lavori meccanici degli appezzamenti della Cooperativa Luppoli Italiani e dell’Azienda Agricola Bellavista. Le tre sorelle imprenditrici hanno ereditato l’impresa agricola dal padre e oggi con la madre portano avanti questa avventura con passione e rispetto della tradizione locale con un occhio e la testa rivolta all’innovazione e alla sperimentazione.

All’interno della prima tappa dell’itinerario IL GIARDINO DELLE LUPPOLE [qui sono le donne che raccolgono il luppolo]  si potrà vivere un’esperienza olfattiva ispirata dal luppolo di Romagna, il primo genotipo italiano che permette ad imprenditrici donne di essere oggi protagoniste della trasformazione dello SMART FARMING SYSTEM di un settore agricolo tradizionalmente dominato dalla figura maschile. I cicloturisti, i camminatori o turisti che sceglieranno il rural redbus potranno annusare e toccare con mano questa pianta officinale magica e dagli odori e proprietà sorprendenti.

ROMAGNA VIRTUAL ESSENCE è il primo format di un programma più ampio che abbiamo chiamato HOPTOUR che include altre tappe sul territorio e permetterà di vivere esperienze direttamente dalle viva voce dell “salvatrici e salvatori della terra” di Romagna di un territorio devoto alla filiera brassicola di qualità composta da migliaia micro birrifici sparsi lungo tutta la nostra Regione. Un’operazione strategica che potrebbe rientrare nel programma speciale di valorizzazione del patrimonio culturale romagnolo “DESTINAZIONE ROMAGNA” reso ancora più esclusivo grazie alle soluzioni di pagamento in criptovalute e l’utilizzo di una piattaforma blockchain  sulla tracciabilità dei prodotti Made in Italy [fornita da INNOVABILITA] e  grazie alla campagna fotografica artistica della documentary photographer Isabella Franceschini.

Durante l’esperienza extrasensoriale all’interno de IL GIARDINO DELLE LUPPOLE  si avrà la possibilità di incontrare Simone della ROULOTTHOP e scoprire i suoi cocktails al luppolo e altre prestazioni sorprendenti da scoprire solo vivendole come una ROMAGNA VIRTUAL ESSENCE a Grattacoppa di Ravenna al centro della magica Terra di Romagna.

Modello di Esperienza ludica 4.0

[ideato da Coop 49Ac e Cooperativa Luppoli Italiani e INNOVABILITA]

Il progetto di turismo esperienziale sviluppato per IL GIARDINO DELLE LUPPOLE è rivolto a chi ama la natura e, in particolare, è curioso di conoscere le tecniche agronomiche e i processi di trasformazione del luppolo italiano.

Il visitatore, attraverso dinamiche ludiche e tecniche di narrazione condivisa, verrà stimolato a vivere un’esperienza diretta e non filtrata, le condizioni per un’immersione nel quotidiano dell’azienda agricola, emotivamente appagante e indimenticabile.

Un percorso interattivo suddiviso in quattro fasi

1.     Accoglienza (stalla 4.0 )

2.    Quiz di Ingresso: quanta ne sai sul luppolo?

3.    Visita al luppoleto

4.    Ritorno al punto di partenza (stalla 4.0)

  1. Accoglienza (stalla 4.0)

Appena giunto in azienda, il visitatore percepisce immediatamente di sentirsi atteso e desiderato. Ciò significa essere pronti a rispondere tempestivamente a ogni genere di quesito o necessità (eventuali limitazioni per persone con ridotta mobilità, localizzazione dei servizi igienici, punti d’interesse nelle vicinanze, etc.).

Il primo impatto sarà all’insegna del coinvolgimento, dell’autenticità, della flessibilità. quella del “trebbo” di Romagna di un tempo.

  1. Test

“Quanta ne sai sul luppolo?”. Lo scopo del quiz ludico è quello di creare attenzione sull’esperienza didattica che il visitatore si presta a compiere. Non ci saranno voti ma premi a sorpresa per chi si farà coinvolgere dal divertimento di “apprendere nozioni tecniche giocando”. 

Meccanica del quiz 

I partecipanti rispondono attraverso il proprio smartphone [scaricando l’APP gratuita]  ad una serie di domande sul luppolo. Per attivare il sondaggio KAHOOT è sufficiente che i partecipanti inquadrino il QRcode della piattaforma e visualizzare il link corrispondente . Da questo momento i partecipanti al gioco didattico interagiscono  rispondendo in base alle proprie conoscenze. Le risposte vengono visualizzate su uno schermo in tempo reale e in maniera aggregata . Terminata la prima fase del gioco la guida non svela le risposte esatte. Queste verranno descritte poi nella successiva tappa del percorso durante la visita nel luppoleto. 

  1. Visita al luppoleto

Il luppoleto può essere dormiente (Novembre/Maggio) o attivo e vegetativo (Giugno/Ottobre): si va in campo e tenendo conto del fatto che le fasi vegetative dell’impianto variano significativamente in relazione alle stagioni dell’anno, la visita dovrà essere improntata anche all’insegna dell’immaginazione nei mesi da novembre   a giugno dell’anno successivo: in questo periodo i contenuti multimediali mixati all’immaginazione dei partecipanti permetterà di vivere un’esperienza extra-sensoriale centrata sul coinvolgimento emotivo collettivo. 

Non più solo storytelling ma una narrazione condivisa 

1.  Non vendiamo un prodotto, ma un bisogno di vivere esperienze totali che nascono per provare emozioni vere in un ambiente fisico che continua nel mondo virtuale 

2.   Le emozioni diventano forti quando la narrazione è condivisa e segue questo percorso 

a) PERCHÉ lo facciamo (il luppolo è una coltivazione innovativa e molto femminile: il nostro impegno è quello di curare il fiore femminile)

b) COME lo facciamo (il luppolo è la nostra vita, che vogliamo condividere con persone che ricercano il benessere)

c) COSA facciamo (vogliamo condividere la passione con cui coltiviamo il luppolo)

  1. Ritorno al punto di partenza

Dopo aver integrato il racconto con le note tecniche della coltivazione del luppolo, incluse le domande del “quiz d’ingresso”, si ritorna al  punto di partenza (stalla 4.0). In questa fase è previsto il momento dell’esperienza della convivialità e dell’associazione luppolo = relax. Questo ambiente diventa il luogo di una  nuova  scoperta, da una fase  pro-attiva iniziale si passa ad  uno  stato d’animo  molto più disteso  e piacevole per condividere le proprietà rilassanti dell’olio essenziale del luppolo italiano ECHOPOIL.

I 7 sensi del nostro luppolo: vista, udito, olfatto, gusto, tatto, memoria, virtuale

L’esperienza presso la stalla 4.0 e IL GIARDINO DELLE LUPPOLE prevede:

–   degustazione guidata della birra artigianale AMARCORD: assaggi di diverse qualità  determinate dal maggiore o minore apporto di luppolo italiano;

–   test diffusori con l’aroma dell’olio essenziale di luppolo italaino;

–   assaggi culinari della tradizione romagnola [aperitivo in trebbo] 

– test dimostrativo poltrone a sacco, riempite con le bacche di luppolo, dove i partecipanti possono sedersi per vivere l’esperienza del massaggio luppolato;

–   percorso sensoriale: esperienza a piedi nudi su un tappeto di bacche di luppolo

  1. L’esperienza virtuale dell’essenza della Romagna: il valore delle video-interviste e videorecensioni onlife

La crossmedialità oggi mette in connessione i mezzi di comunicazione del web 3.0 l’uno con l’altro, grazie alle piattaforme digitali e ad un uso consapevole dei propri profili nei social network. Quando si condividono i propri contenuti multimediali [foto, articoli, recensioni, video] relative a esperienze di valore diventiamo ambasciatori naturali di queste esperienze. Al termine dell’esperienza collettiva sarà richiesto ad ogni partecipante di rilasciare una video intervista [non obbligatoria] sull’esperienza vissuta e sarà condivisa sul web da tutti i portatori d’interesse del programma crossmediale. L’esperienza dal mondo reale continuerà nel mondo virtuale del web per mantenere vivo nel mondo onlife il valore dell’esperienza presso IL GIARDINO DELLE LUPPOLE

Ai visitatori che effettueranno acquisti dei prodotti durante l’esperienza a Grattacoppa oppure attraverso l’e-commerce HOPLAND.NETWORK sarà richiesto  di rilasciare una video-recensione sull’esperienza vissuta dopo l’utilizzo dei prodotti, condividendo la propria personale storia. Ogni mese saranno create delle “sfide online” per stimolare l’interazione con i componenti della community HOPLAND come la pubblicazione di video-ricette personalizzate con il  luppolo acquistato online. Una volta che si entra all’interno della community  si ottiene il diritto di condividere le video-recensioni pubblicate e certificate dagli amici e amiche del GIARDINO DELLE LUPPOLE per uno scambio sicuro e garantito da una piattaforma italiana del valore del vero Made in Italy.

Presto sarà online il programma.

Per info inviare messaggio a

info@hopland.network

Seguite HOPTOUR e IL GIARDINO DELLE LUPPOLE online.

In bocca al luppolo!

______________________________________________________________

PARTNER DI PROGRAMMA ROMAGNA VIRTUAL ESSENCE

COOPERATIVA LUPPOLI ITALIANI

INNOVABILITA 

ISABELLA FRANCESCHINI 

COOPERATIVA 49AC

BIRRA AMARCORD 

CITY RED BUS 

HOPLAND

HOPTOUR

PROHOPSMARTCHAI

ROULOTTHOP

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: